Isadora Duncan: una personalità forte, dentro e fuori dal palco

Isadora Duncan balla sulla spiaggia © Arnold Genthe / Wikimedia

Isadora Duncan (San Francisco, California 1878 – Nizza 1927) è stata definita dalla critica la fondatrice della danza moderna, pioniera di una danza chiamata “naturale” o “libera” di ispirazione ellenica. Aveva tre fratelli ed ha vissuto i primi anni della sua vita in totale povertà. Il suo desiderio di riscatto è arrivato nella sua adolescenza quando, spinta dall’amore per la danza, ha intrapreso gli studi accademici classici, anche se ha rifiutato la rigidità del balletto classico e ha basato la sua danza su ritmi e movimenti più naturali, un approccio che ha successivamente usato consapevolmente nelle sue interpretazioni delle opere di grandi compositori come Brahms, Wagner e Beethoven.

Con la sua forte personalità, Isadora ha sfidato le convenzioni sociali in ogni aspetto della sua vita, è diventata un’icona della moda e ha stabilito tendenze dentro e fuori dal palco. La sincerità e la semplicità del movimento hanno trovato la loro espressione in uno stile di abbigliamento minimalista, composto da una tunica o da un velo semitrasparente sul corpo nudo della ballerina. L’ammirazione per le forme naturali del corpo era un aspetto fondamentale dell’ideologia di Isadora.

Si è sentita libera di vestirsi senza stecche che trattengono artificialmente le sue forme aggraziate o abbondanti pezzi di tessuto che non consentono la sua mobilità fluida.

Isadora Duncan è stata una figura pionieristica sia in ambito artistico che estetico. Per lei, la rivoluzione nella danza ha richiesto una rivoluzione nell’abbigliamento, non solo sul palco ma in tutte le sfaccettature della sua vita. Ha ribadito la sua ideologia ed ha espresso la sua creatività, spesso sfidando la tradizione consolidata, non solo ballando ma anche con abiti: ha combinato pezzi di stoffa e scialli, spesso decorati con ricami cinesi, che indossava in vari modi e ha anche disegnato i propri costumi da danza.

Intorno al 1909 Isadora Duncan incontrò Paul Poiret, famoso couturier parigino che, all’epoca, realizzava abiti senza girovita e liberava il corpo femminile dalle restrizioni innaturali imposte dai corsetti e altri indumenti simili. Sebbene Mariano Fortuny non facesse parte haute couture parigina, i suoi modelli innovativi erano immensamente popolari tra le donne d’avanguardia della società artistica europea e americana. Inoltre, la danza e il teatro erano i contesti preferiti di Fortuny, infatti ha disegnato una sciarpa di seta stampata con motivi greci noto come scialle di Cnosso, che si adattava alla forma del corpo e permetteva ai ballerini una grande libertà di movimento. Non sorprende che Isadora sia diventata una seguace devota delle sue creazioni, che indossava sia dentro che fuori dal palco.

Il design più celebre di Fortuny è probabilmente il Delphos che è apparso per la prima volta intorno al 1907, come molti dei suoi pezzi questo è stato ispirato dal drappeggio greco. Originariamente era stato concepito come un abito da “casa” poiché veniva indossato senza corsetto. In poco tempo, sebbene le donne avant garde, prima di tutto Isadora Duncan iniziarono a indossarle fuori casa e divennero un oggetto popolare per le donne più audaci.

Nella sua breve vita (è morta strangolata a quarantanove anni dopo che la sua sciarpa è rimasta impigliata nel volante della sua macchina in movimento, rompendole il collo) Isadora ha dovuto affrontare immensi dolori dell’anima innescati da tragici eventi della vita, come la morte di sua figlia e figlio in un incidente d’auto, e l’anno dopo la perdita di un neonato. Queste tragedie da sole sono bastate a segnare il declino della sua carriera, l’alcol e una vita vissuta senza inibizioni la portano inevitabilmente lontano dai palcoscenici internazionali.

Alcuni suoi manoscritti rimangono, inclusa la sua autobiografia My Life.

Lascia un commento

Ricevi un avviso Ti informeremo quando il prodotto arriverà in magazzino. Per favore lascia il tuo indirizzo email valido qui sotto.